vita e opere

mostre

DAGMAR MANN


Nata a Kolberg, ha svolto attività artistica ad Amburgo, Stoccolma.
Oslo, Venezia, Napoli e Milano

1965  Galleria San Carlo - Napoli
1966  Bottega delle arti - Caserta
1968  Art Club - Stoccolma


Mostre collettive:


1967  Bohmanns Gallery - Stoccolma
1970  Art Club - Stoccolma                


Mostre personali di Dagmar Mann:

1972 Centro Culturale Braidense - Milano
1973  Hotel Miramonti - Cortina d’Ampezzo
1973  Hotel des Alpes - Madonna di Campiglio
1974  Galleria Schubert - Milano
1976  Galleria Zibetto - Milano
1978  Galleria d’Arte Moderna Gino Negri - Vigevano
1978  National Art Club - New York
1980  Hotel Triton - Sellia Marina Calabria
1981  Palazzo Ottoni - Mostra comunale Matelica
1982  Galleria La Conca - Milano
1984  International Art Gallery - Monza
1984  Club del collezionista - Milano
1985  Galleria La conca - Milano

2017  MiMuMo - Monza

Litografie


1974  Litografia Ricordi Arte Grafica  Ricordi

 


Televisione


Televisioni private in tutta Italia
RAI 2 - Cronache Italiane - 18.07.1972
Dagmar Mann pittrice espone nella sua casa a milano "mostra in casa "
Aste televisive con Arte e Mercato
1981 Asta televisiva su Telemarche


hanno scritto di me

Mario Monteverdi - critico d’arte
Franco Russoli - critico d’arte  
Domenico Porzio - Critico d’arte

Pubblicazioni


Rivista Arte Mercato
1980 Bolaffi
1981 Donne di Mario Monteverdi  Ed. Sigillo
Illustrazione per Il mondo dei bambini  Ed. UTET
        
Collaborazione  con “La finestra sul Mazzini” con copertina sul numero 6 - Maggio 2008

Lettera di Mario Monteverdi

Esattamente ventitré anni or sono, con Enrico Piceni, proprio per la Casa Editrice Ricordi pubblicammo un volume, sontuosamente illustrato, dal titolo “Gli animali nella pittura italiana dell’Ottocento”.
Gli animali, almeno così spero, non eravamo io e Piceni, ma quelli che i vari Fattori, Zandomeneghi, De Nittis, De Albertis, Ranzoni avevano fissato nei loro quadri facendone degli autentici personaggi.
Oggi, Dagmar, vedo questi tuoi gatti che rassomigliano ai fidanzati di Chagall, questi tenerissimi elefanti che sembrano arrivare diritti diritti dal paradiso terrestre.
Che sia un invito a scrivere, questa volta da solo, perché, purtroppo Piceni non c’è più, pur se è così vivo nel mio ricordo e nel mio affetto. “gli animali nella pittura di un secolo che sta per diventare un altro”?
Lo sperso proprio, perché mi pare che anche questi tuoi animali siano personaggi con caratteri e sentimenti umani e, per di più, con una bontà negli occhi che molto raramente i cosiddetti esseri umani non posseggono.

Mario Monteverdi





franco russoli (sovrintendente a brera negli anni 70) ha detto di me